Site icon Global Science

Un’inedita coppia di nane brune

Viaggiano nello spazio, ma pur costituendo un duetto sono separate da un’enorme distanza: la singolare entità, che sta sottoponendo gli astronomi ad un vero e proprio rebus, è Wise 2150-7520Ab, un sistema costituito da due nane brune, scoperto da un gruppo di cittadini-scienziati. La coppia è protagonista di uno studio pubblicato su The Astrophysical Journal (articolo: “Wise 2150-7520Ab: A Very Low-mass, Wide Comoving Brown Dwarf System Discovered through the Citizen Science Project Backyard Worlds: Planet 9”); il lavoro, che ha visto anche il coinvolgimento della Nasa, è stato coordinato dal Dipartimento di Astrofisica del Museo Americano di Storia Naturale.

Le nane brune, talvolta definite ‘stelle fallite’, sono diffuse in tutta la Via Lattea e non hanno una massa sufficiente a sostenere i processi di fusione nucleare propri delle stelle; tuttavia, sono abbastanza calde per risplendere nell’infrarosso. Non è infrequente trovarle appaiate, tuttavia la coppia recentemente scoperta costituisce una rarità soprattutto per la grande distanza che le separa, pari a 341 unità astronomiche. Un altro interrogativo, quindi, che contribuisce a rendere questi oggetti ancora alquanto misteriosi; ad esempio, i loro meccanismi di formazione sono tuttora poco chiari. Gli astronomi, nel caso di nane brune separate da un baratro così ampio, hanno ipotizzato che dovrebbero dissolversi durante gli spostamenti attraverso la galassia, nel corso dei millenni, ma il sistema Wise 2150-7520Ab appare in contraddizione con questa teoria.

La scoperta del particolare duetto è stata effettuata nel 2018, nell’ambito di ‘Backyard Worlds: Planet 9’, un progetto sostenuto da varie istituzioni di ricerca statunitensi e mirato a coinvolgere i cittadini-scienziati nella ricerca di oggetti celesti nelle immagini raccolte dalla missione Wise della Nasa; il progetto ha visto la partecipazione di oltre 50mila volontari che hanno scandagliato più di 4 milioni di dati. A valle della scoperta è intervenuto il team scientifico di Backyard Worlds, che ha approfondito la questione svolgendo una campagna di osservazioni con il telescopio Baade Magellan in Cile e, in particolare, con il suo spettrografo Fire. L’esito ha confermato la scoperta e ha consentito di qualificare meglio i due oggetti della coppia: uno di essi è un T8, vale a dire uno degli esemplari più freddi nell’ensemble delle nane brune, mentre l’altro è un L1, anch’esso caratterizzato da basse temperature.

Gli astronomi hanno utilizzato successivamente i dati della missione Gaia dell’Esa, che aveva osservato l’oggetto L1, rilevandone la distanza dal Sole (pari a 78 anni luce); grazie a queste informazioni il team della ricerca ha potuto stimare la brillantezza e la massa della coppia. T8 ha una massa pari a 34 volte quella di Giove, mentre L1 raggiunge 72 volte la massa del pianeta; nel complesso, il sistema dovrebbe avere sulle spalle alcuni miliardi di anni. Gli studiosi hanno notato che vi sono coppie analoghe a Wise 2150-7520Ab e tutte piuttosto giovani, in termini astronomici, mentre non si conoscono sistemi simili più vecchi. A questo punto, rimane da scoprire come e perché il duetto di nane brune sia riuscito a sopravvivere. La scoperta, quindi, non solo schiude nuovi scenari di ricerca, ma mostra anche l’importanza del coinvolgimento del grande pubblico di appassionati, che può avere risvolti inaspettati e di notevole rilievo scientifico.

Nell’immagine in alto, un’elaborazione artistica del sistema (Crediti: William Pendrill). 

Exit mobile version