Site icon Global Science

Perseverance, superati i testi di bilanciamento

Nell’ambito della missione Nasa Mars 2020, Perseverance è il rover che partirà nella finestra di lancio che va dal 17 luglio al 5 agosto 2020, per raggiungere la superficie di Marte il 18 febbraio 2021. Il suo nome è stato scelto da uno studente di una scuola media in Virginia, a seguito di una competizione aperta dalla Nasa, che ha visto la presentazione di più di 28mila proposte.

Dopo il trasferimento del rover al Kennedy space center in Florida, il team del Perseverance, che si occupa delle operazioni di assemblaggio, test e operazioni di lancio, ha completato un test cruciale sulle proprietà di massa del rover. 

Il test è iniziato il 6 aprile ed è durato 3 giorni. In una prima fase Perseverance è stato portato su un dispositivo che permettesse di farlo ruotare attorno al suo asse x, una linea immaginaria che si estende dalla parte anteriore del rover a quella posteriore, per determinare il suo centro di gravità relativo, appunto, all’asse x, ossia il punto nel quale il peso del rover è uniformemente distribuito per tutti i lati. Perseverance è stato poi spostato su una tavola rotante che, per ridurre l’attrito, si trovava poggiata su un cuscinetto di aria. Sono così iniziate le manovre per determinare il centro di gravità relativo all’asse z, che va dalla parte inferiore del rover alla parte superiore, e poi all’asse y, dal lato sinistro al destro, ruotando lentamente il rover avanti e indietro e calcolando lo squilibrio nella distribuzione della sua massa. 

Il team del Perseverance ha analizzato i dati e ora il baricentro del rover si trova entro 0,0025 millimetri dal punto esatto previsto dai progettisti della missione. 

La precisione di queste misurazioni è essenziale per l’atterraggio sul Pianeta Rosso, poiché aiutano a garantire che il viaggio del veicolo spaziale sia accurato dal lancio fino a Marte.

Progettato sulla base del rover Curiosity, il rover Perseverance ha le dimensioni di un’utilitaria e un peso di 1025 chilogrammi. Il suo compito sarà quello di cercare segni di vita microbica nel passato di Marte, studierà il clima e la geologia marziana e raccoglierà campioni per una missione di rientro a Terra. Teatro della sua ricerca sarà la zona del cratere Jazero, scelta come sito dell’atterraggio.

La missione Mars 2020, con Perseverance, fa parte di un più ampio programma di esplorazione spaziale, che prevede il ritorno dell’uomo sulla Luna e la conquista umana di Marte.

Exit mobile version