Site icon Global Science

Un enorme iceberg nel mirino di Sentinel-1

Un enorme iceberg, noto come A-68A,  sta viaggiando indisturbato nell’Oceano Atlantico. I suoi spostamenti non sono sfuggiti a Sentinel-1 del programma Copernicus, che ne ha catturato nuove importanti immagini.

Nel luglio del 2017, l’iceberg, grande due volte il Lussemburgo, si era staccato dalla piattaforma di ghiaccio Larsen C in Antartide, ma le acque poco profonde e il ghiaccio marino presente non avevano permesso che se ne discostasse di molto. Nel 2018, invece, i forti venti che soffiano in quella zona hanno dato la spinta che ha portato l’iceberg ad allontanarsi dalla piattaforma. Oggi, A-68A viene trasportato dalle correnti oceaniche a migliaia di chilometri dal luogo in cui ha avuto origine. 

L’animazione, composta dalle immagine catturate da Sentinel -1, mostra che l’iceberg sta ruotando mentre viaggia verso la Georgia del Sud. Se A-68A dovesse raggiungere le coste dell’isola, potrebbe fermarsi nelle acque poco profonde e minacciare la fauna selvatica di quel territorio, composta da pinguini, foche e krill. Dal momento che questi animali hanno bisogno di accedere al mare per nutrirsi, l’iceberg potrebbe bloccare il loro passaggio, oltre a distruggere l’ecosistema sottostante schiacciando la vita animale e vegetale presente nel fondale marino. 

Copernicus, coordinato e gestito dalla Commissione Europea in collaborazione con gli stati membri, è il programma di Osservazione della Terra dell’Unione Europea che monitora il nostro pianeta e il suo ambiente, basandosi su dati satellitari e in situ. 

Immagine in evidenza: Iceberg A-68A mentre si muove nell’oceano Atlantico verso la Georgia del sud. Copernicus Sentinel  (2020), elaborata dall’Esa. 

Exit mobile version