Site icon Global Science

Marte e il carbonio organico totale

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Carbonio organico totale. È questo un componente chiave nelle molecole della vita che gli scienziati hanno misurato nelle rocce marziane grazie ai dati raccolti dal rover della Nasa, Curiosity.
«Il carbonio organico totale, infatti, è una delle numerose misurazioni che ci aiutano a capire quanto materiale è disponibile come materia prima per la chimica prebiotica e potenzialmente la biologia», spiega Jennifer Stern del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. «Abbiamo trovato da 200 a 273 parti per milione di carbonio organico. Questo è paragonabile o addirittura superiore alla quantità trovata nelle rocce in luoghi a vita molto bassa sulla Terra, come parti del deserto di Atacama in Sud America, e più di quanto sia stato rilevato nei meteoriti di Marte».

Il carbonio organico è carbonio legato a un atomo di idrogeno. È la base per le molecole organiche, che vengono create e utilizzate da tutte le forme di vita conosciute. Tuttavia, il carbonio organico su Marte non prova l’esistenza della vita, perché può provenire anche da fonti non viventi, come meteoriti e vulcani, o essersi formato sul posto da reazioni di superficie. Il carbonio organico era stato già trovato su Marte, ma le misurazioni precedenti avevano prodotto solo informazioni su composti particolari rappresentavano misurazioni che catturavano solo una parte del carbonio nelle rocce. La nuova misurazione fornisce la quantità totale di carbonio organico in queste rocce.

Sebbene la superficie di Marte sia inospitale per la vita ora, ci sono prove che miliardi di anni fa il clima era più simile a quello terrestre, con un’atmosfera più densa e acqua liquida che scorreva nei fiumi e nei mari. Poiché l’acqua liquida è necessaria per la vita come la intendiamo noi, gli scienziati pensano che la vita marziana, se mai si fosse evoluta, avrebbe potuto essere sostenuta da ingredienti chiave come il carbonio organico, se presente in quantità sufficiente.

Resta il tema di dove e in che modo si possano trovare tracce di esistenza di una vita nel passato marziano e nuovi esperimenti di laboratorio condotti dalla Nasa confermano la necessità di scavare due metri sotto la superficie, perché le radiazioni ionizzanti dallo spazio degradano piccole molecole come gli amminoacidi in tempi relativamente brevi.

Gli amminoacidi possono essere creati dalla vita e dalla chimica non biologica. Tuttavia, trovare alcuni aminoacidi su Marte sarebbe considerato un potenziale segno dell’antica vita marziana perché sono ampiamente utilizzati dalla vita terrestre come componente per costruire proteine. Le proteine sono essenziali per la vita in quanto vengono utilizzate per produrre enzimi che accelerano o regolano le reazioni chimiche e per creare strutture.

La densa atmosfera terrestre e il suo campo magnetico proteggono la superficie della Terra dalla maggior parte dei raggi cosmici. Nella sua giovinezza, anche Marte aveva queste caratteristiche, ma ha perso questa protezione con l’invecchiamento. Tuttavia, ci sono prove che miliardi di anni fa, l’atmosfera più densa consentiva all’acqua liquida di persistere sulla superficie del Pianeta Rosso. Poiché l’acqua liquida è essenziale per la vita, gli scienziati vogliono sapere se la vita è emersa su Marte e cercare prove dell’antica vita marziana esaminando le rocce di Marte alla ricerca di molecole organiche come gli aminoacidi.

Sebbene gli amminoacidi non siano stati ancora trovati su Marte, sono stati scoperti nei meteoriti. «Abbiamo identificato diversi amminoacidi a catena lineare nel meteorite marziano antartico RBT 04262 nel laboratorio di analisi di astrobiologia al Goddard che riteniamo abbia avuto origine su Marte (non contaminato dalla biologia terrestre)», ha affermato Danny Glavin, coautore dell’articolo presso la NASA Goddard. «Dato che i meteoriti da Marte vengono tipicamente espulsi da profondità di almeno un metro o più, è possibile che gli amminoacidi in RBT 04262 fossero protetti dalle radiazioni cosmiche».

La materia organica è stata trovata su Marte dai rover Curiosity e Perseverance della NASA; tuttavia, non è un segno di vita conclusivo poiché potrebbe essere stato creato dalla chimica non biologica. Inoltre, i risultati dell’esperimento implicano che è probabile che il materiale organico osservato da questi rover sia stato alterato nel tempo dalle radiazioni e quindi non come lo era quando si è formato

Exit mobile version