Site icon Global Science

Super brillamenti da Proxima Centauri

Super brillamenti da Proxima Centauri

Una rappresentazione artistica di una nana rossa, simile a Proxima Centauri

La stella più vicina al nostro Sole ha emesso una serie di flare estremamente brillanti, un evento che contribuisce a rendere meno probabile l’ipotesi che Proxima b possa essere abitabile

Il telescopio Alma ha individuato una serie di potenti bagliori stellari, noti anche come  flare emessi da Proxima Centauri, la stella più vicina al nostro Sole. La scoperta fa sorgere dei dubbi sulla possibile abitabilità di Proxima b, l’esopianeta a noi più vicino, che orbita in prossimità della zona abitabile di Proxima Centauri. I risultati dello studio, condotto dal Carnegie Institute of Science, Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics e Università del Colorado, sono stati pubblicati su Astrophysical Journal Letters. Il flare ha aumentato la luminosità della stella di circa 1.000 volte in 10 secondi. Questo super-brillamento è stato preceduto da uno di minore entità e l’intero evento è durato meno di due minuti. I brillamenti stellari si verificano quando una variazione del campo magnetico della stella accelera gli elettroni a velocità prossime a quelle della luce.

Gli elettroni, in questo modo, interagiscono con il plasma che costituisce la maggior parte dell’astro, causando un’eruzione che produce emissioni attraverso l’intero spettro elettromagnetico. Il flare più luminoso emesso dalla stella era circa 10 volte più brillante di quelli prodotti dal Sole, se osservato in lunghezze d’onda simili. «Il 24 marzo dello scorso anno è stato un giorno davvero speciale per Proxima Centauri – commenta Meredith MacGregor del Carnegie Institution for Science, tra gli autori principali della scoperta – nel corso dei miliardi di anni di evoluzione di Proxima b, un flare di questo genere potrebbe aver fatto evaporare gran parte dell’acqua in superficie, rendendo l’esopianeta davvero inospitale per la vita».

Il telescopio Alma ha osservato Proxima centauri per un totale di 10 ore tra gennaio e marzo dello scorso anno. Secondo un precedente studio condotto con gli stessi dati di Alma, la luminosità media – che includeva sia l’emissione luminosa della stella sia quella del flare –  era prodotta da una serie di dischi di polveri che circondano Proxima Centauri. In seguito i ricercatori, hanno interpretato i dati di Alma come una funzione del tempo di osservazione, rilevando la  vera natura del potente brillamento.

Exit mobile version